0

Premio letterario Fulvio Rogolino C1V 2017

Posted by Laura Bertoli on 03/01/2017 in Concorsi letterari |

Riceviamo e pubblichiamo.

BANDO

Il Premio letterario Fulvio Rogolino 2017 è promosso dal Gruppo C1V Edizioni (www.c1vedizioni.com) in memoria del primo Direttore Editoriale. Fulvio Rogolino era entrato nella squadra delle edizioni C’era una volta nel 2010.

Sempre attento alle novità del settore e della cultura in genere, Fulvio Rogolino ha fondato Fabula ed è sempre stato “in eterno divenire” come lo ricorda la figlia Valeria. È stato un autore, amava scrivere racconti, poesie -anche premiate e raccolte in antologie-, un coachwriter, un editor, un ghostwriter, un innovatore nel marketing e si è occupato di comunicazione e sviluppo progetti non solo in campo editoriale, dedicandosi anche alla progettazione di giochi promozionali per aziende. L’aspetto ludico non lo ha mai abbandonato. Nel Natale del 2010 ha contribuito a sviluppare il progetto “in corsia” di C1V Edizioni e a portare libri in dono ai bambini ricoverati in alcuni ospedali a Roma e a Torino. “Scrivere è, per me: analizzare, informare, formare, confrontarsi, dialogare, chiacchierare, ascoltare, convincere, trasformare, appassionare, artigianarsi, convertire, giocare, pentirsi, indurre, sedurre, ridurre, amare, lottare, fantasticare, capire, risolvere, provocare” ha scritto su Newsplaza.

Il bando si rivolge ad autori di opere inedite, che non siano state pubblicate, neanche in self publishing, né in formato cartaceo, né in quello digitale. Sono escluse anche le opere già edite ritirate dal catalogo dei libri in commercio. Le opere dovranno essere in linea con i valori e la mission di C1V, prevalentemente a carattere sociale, che trattino o abbiano un argomento di attualità. Inoltre non saranno ammessi libri per bambini, ma soltanto opere rivolte a un pubblico di adulti o ragazzi a partire dagli 11 anni.

Il Premio letterario Fulvio Rogolino sarà l’unico modo per entrare a far parte degli autori C1V dal 2017 per questo tipo di libri di narrativa. Non saranno più valutate candidature spontanee, fatta eccezione per gli autori già presenti nel catalogo C1V che proporranno nuovi testi, i quali saranno valutati al di fuori del premio.

La premiazione avverrà nell’ambito del Salotto letterario “ScriptaManent” organizzato dal Gruppo C1V Edizioni, a Roma, per il 7-8 aprile 2017 presso l’Ergife Palace Hotel, durante il quale i 5 vincitori riceveranno oltre all’attestato di merito anche il contratto di edizione, che nel rispetto delle policy della casa editrice, non prevede contributi o obbligo di acquisto di copie da parte degli autori. Le opere saranno pubblicate nel 2017.

regolamento

Le opere dovranno essere inviate alla Segreteria del Concorso, presso C1V Edizioni, all’e-mail premioc1v@gmail.com, entro e non oltre il 28 febbraio 2017. Il bando è pubblicato sul sito www.c1vedizioni.com.

modalità di adesione

Per partecipare al Premio occorre richiedere e inviare all’e-mail premioc1v@gmail.com il modulo di adesione completo di tutti i dati entro e non oltre il 28/02/2017. La quota di iscrizione al Premio per le spese di segreteria è di € 10,00 per ogni opera, e dovrà pervenire alla Segreteria del Premio tramite bonifico bancario alle coordinate di C1V indicate in risposta alla richiesta del modulo di adesione o tramite il pulsante paypal nella pagina del Bando sul sito www.c1vedizioni.com. 

tempistiche del concorso

Termine per aderire al Concorso, con l’invio del modulo di adesione e della quota per le spese di segreteria: 28/02/2017.

L’elenco dei vincitori sarà reso noto sul sito nella prima settimana di aprile 2017. 

premi

I primi 5 autori vincitori entreranno nel catalogo C1V Edizioni nel 2017.

giuria

Fanno parte della Giuria: Cinzia Tocci (editore), Francesco Ciampa (giornalista) e Lara Di Carlo (redazione). Qualora alla prima valutazione fossero selezionati più di 5 autori, potranno essere coinvolti anche lettori esterni.

Contatti Gruppo C1V Edizioni: Lara Di Carlo – e-mail: premioc1v@gmail.com

Ricordiamo la collaborazione di Fulvio Rogolino con C’era una volta Edizioni, con questo racconto breve per un’iniziativa di beneficenza a favore degli animali:

PORTAMI VIA, di Fulvio Rogolino©, C’era una volta Edizioni 

Mi chiamo Starlette e ho sei anni, un pelo che a carezzarlo fino a ieri ti sembrava seta, due occhi grandi e neri, un musetto dolce e due orecchie all’ingiù. Ma ho soprattutto una piccola stella impressa sulla fronte, un’amica che mi ha sempre protetta e dato un tocco di originalità.

Adesso non so che cosa mi stia succedendo, sento di essere presa al collo perché ho cercato di tirare la corda che mi tiene legata a quel palo e per poco non mi sono strozzata. Non capisco: fino a ieri mi hai sempre portato fuori con la pettorina, dicendo ai tuoi amici che il collare rischia di strangolare, che mi avrebbe fatto male. E non capisco nemmeno che cosa sto a fare qui, in questo pezzo di prato pieno di cacche, di vecchi materassi squarciati, di pentole e di giocattoli rotti.

Ti sto aspettando. Tornerai a prendermi? Intanto comincio ad aver paura di questo posto. Da poco ho visto un grosso topo gironzolare tra tutti gli oggetti sparsi. Certo, l’ho puntato, gli ho anche abbaiato contro, ma lui invece di fuggire spaventato si è fermato a fissarmi con aria minacciosa. Ho capito che voleva attaccarmi e mordermi, ma per fortuna un colpo di vento ha rovesciato tanti scatoloni di cartone messi su, uno su l’altro, e il rumore l’ha fatto scappare.

Ho fame e sete, ma non posso muovermi. Mi hai legata talmente stretta che, a forza di tirare per cercare di liberarmi, la corda mi ha strappato la pelle ed è entrata un po’ nella carne del collo. Sanguino e mi fa male. Ma tu dove sei? Quando tornerai a prendermi?

All’improvviso, in questo silenzio rotto solamente dall’aria che sibila nelle mie orecchie, avverto un pizzico acuto sotto una zampa. Mamma! Dov’è la mia mamma? Mi fa male, mi brucia poggiarla a terra… Dove sono i miei fratellini? Dove li hai portati quando sono nati? Mamma, mamma!

Ecco, ho visto che cosa mi è successo, ho infilato la zampina su un chiodo di una gamba rotta di tavolino.

Continuo ad abbaiare, a guaire, a spalancare la bocca in sbadigli di resa: dove sei? Perché mi hai lasciata qui, dove non mi avevi mai portato? Mi sono acquattata, ho smesso di chiamarti, sta facendo buio.. Ogni tanto passo la lingua sul buco fatto dal chiodo, ma il dolore non si quieta. Ho lo stomaco in gola, ho fame e, in lontananza, sento i topi avvicinarsi.

Già, i miei fratellini… Li ricordo tutti, sai? E ricordo la mamma. Era bella, con un manto grigio e lucido, e lo sguardo dolcissimo. Ci voleva sempre accanto a sé e noi ci attaccavamo alle sue mammelle e succhiavamo fino a sentirci la pelle della pancia tesa e dura come quella di un tamburo.. Poi, una sera, dopo il latte, hai preso i miei fratellini e li hai messi in uno zaino nero, dopo aver legato la mamma che ti abbaiava contro e ignorando i guaiti che ti arrivavano dalla sacca chiusa. Hai lasciato me in un angolo, a pancia in aria, fra la digestione e il sonno in arrivo. Sei uscito e quando sei tornato hai buttato su una sedia lo zaino, vuoto…

C’è la luna in alto, il cielo è pieno di stelle, ma i topi sono sempre in agguato… Vorrei dormire, ma la zampa mi fa male e mi tiene sveglia. D’un tratto due fari mi illuminano e un’auto si ferma, dopo essere apparsa come per magia perché non l’ho sentita arrivare.

«Gianni, guarda che bella che è… L’hanno abbandonata, di sicuro!»

Ma no, no… Il mio padrone non mi abbandonerebbe mai… No, no…

«Sì, è una cagnetta simpatica… Guarda, Giulia: ha una stellina sulla fronte! Come si chiamerà? Stella? Stellina?»

Starlette… Il mio nome è Starlette!! Ah, bravi. State tagliando la corda che mi tiene legata al palo. Come ringraziamento una leccata della mano è il minimo che possa fare. Poi scodinzolo e un’altra leccata…

«È ferita, Gianni. Alla zampetta e sul collo».

«Che facciamo, Giulia? Se il cane è di qualcuno? Noi non possiamo prenderla e portarla via con noi. Se ha il chip di riconoscimento?»

«Ma no, che non ce l’ha… Sennò non l’avrebbero lasciata qui, sola. Anzi, secondo me l’hanno fatto apposta, sperando che qualche animale selvatico se la portasse via… topi, cinghiali, che so…».

No, non lasciatemi qui, vi prego. Do tante leccate alle mani della donna da asciugarmi la lingua. Fisso lui con aria di disperazione. Abbaio per richiamare la loro attenzione.

«Beh, allora? Io non la lascio qui».

Mi accarezza la testa e sento le sue dita che scendono lungo le orecchie. Brava Giulia, grazie. Un’altra leccata.

«Va bene, va bene. La facciamo salire dietro e la portiamo a La Nuova Fattoria, dove so che ci stanno tanti altri animaletti… Là vedremo che cosa si potrà fare ancora… ».

Sì. Portatemi lontano da questo posto che mi ha dato tanto dolore, tanta tristezza e paura. Cancellate dai miei occhi e dalle mie narici il ricordo e l’odore del mio precedente padrone che mi ha abbandonata e che avrà fatto morire tutti i miei fratellini.

Portami via con te, Giulia, portami via…

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Copyright © 2014-2017 Penna d'oca All rights reserved.
This site is using the Multi Child-Theme, v2.2, on top of
the Parent-Theme Desk Mess Mirrored, v2.5, from BuyNowShop.com